Eventi PA

Il sistema di partecipazione alle attività per la Pubblica Amministrazione

Webinar

Data inizio 19/05/2021 - 12:00

L’emergenza Covid-19 ha rappresentato un acceleratore per le attività del Dipartimento per l’informazione e l’editoria, sia per ciò che riguarda il sostegno del settore dell’editoria, sia dal punto di vista della comunicazione istituzionale. Il Dipartimento, nell’ambito della sua attività istituzionale di realizzazione e diffusione delle campagne di comunicazione per tutte le strutture della Presidenza del Consiglio dei ministri, nonché di altre Amministrazioni dello Stato, ha affrontato l’emergenza Covid-19 ponendosi come obiettivo strategico quello di informare i cittadini sui corretti comportamenti da seguire e sulle misure governative adottate per fronteggiare l’emergenza epidemiologica. Tale attività si è svolta in coordinamento con l’Ufficio Stampa e del Portavoce del Presidente del Consiglio dei Ministri, con il Dipartimento della Protezione civile e con il Ministero della Salute.

Volete saperne di più? Il Dipartimento per l’informazione e l’editoria, con questo webinar, dà l’opportunità anche ai non addetti ai lavori di conoscere il processo con cui si progetta e realizza una campagna di comunicazione istituzionale e di analizzare alcune best practice.

Sarà anche possibile sapere come si elabora la pianificazione sui diversi mezzi di comunicazione di massa e come si sta sviluppando l’utilizzo di nuovi strumenti digitali per raggiungere efficacemente diversi pubblici con formati e messaggi diversificati.

 

Data inizio 19/05/2021 - 10:00

Il webinar è finalizzato a presentare un programma per il rafforzamento delle competenze digitali dei dipendenti pubblici delle amministrazioni locali della Puglia organizzato in collaborazione tra il Dipartimento della funzione pubblica e la Regione Puglia.

Il programma si articola in due diversi percorsi per fornire una risposta il più possibile appropriata all’eterogeneità, in termini di maturità organizzativa, tecnologica e di capitale umano, delle diverse amministrazioni locali:

  • un percorso “semplificato” di formazione sulle competenze digitali di base rivolto ai piccoli Comuni;
  • un percorso “standard” di assessment e formazione attraverso la piattaforma “Competenze digitali per la PA” rivolto ai comuni di dimensione medio-grande ed alla Regione.

L'iniziativa è promossa nell’ambito del progetto “Competenze digitali per la PA” del Dipartimento della funzione pubblica e mira a favorire l’inserimento, nel sistema di interventi di rafforzamento della capacità amministrativa, organizzativa e digitale degli enti locali, della metodologia, degli strumenti di assessment delle competenze e del catalogo formativo, realizzato in collaborazione con Formez PA,  sui temi chiave per ciascun dipendente pubblico descritti nel syllabus “Competenze digitali per la PA”.

La partecipazione della Regione Puglia al progetto “Competenze digitali per la PA” si caratterizza per la sinergia avviata tra Giunta e Consiglio Regionale della Puglia che mira a potenziare gli strumenti di azione del settore pubblico locale e a favorire l'esercizio dei diritti di democrazia digitale da parte dei cittadini.  L'iniziativa  è parte integrante del processo di supporto per la transizione al digitale, svolto dalla stessa Regione a favore delle amministrazioni locali con il progetto "Puglia digitale" e l'intervento "Fondo innovazione", che vede coinvolti n. 133 Comuni.  La Regione Puglia, con il supporto della propria società in house, Innovapuglia s.p.a.,  affianca la PAL nell’adozione delle piattaforme nazionali SPID, pagoPA e IO, per l’erogazione di servizi digitali ai cittadini, con azioni di rafforzamento della consapevolezza e delle competenze degli enti coinvolti, per attuare il cambiamento e gestire l'impatto sui processi. 

 

#SAA2021 Il webinar rientra tra le iniziative, in tema di competenze digitali, della Settimana dell'amministrazione aperta 2021, in programma dal 17 al 21 maggio.

Sede (solo eventi in presenza)
Data inizio 19/05/2021 - 09:30

ll presente webinar affronterà il tema del riparto di competenze Stato – Regione Siciliana nella materia degli appalti pubblici, con specifico riferimento all’art. 4 della L.R. n. 13/2019 contenente specifiche “Norme sulle modalità di gara e sui metodi di aggiudicazione dei lavori pubblici in Sicilia”. 

In particolare, saranno analizzate gli aspetti peculiari della normativa siciliana sui metodi di aggiudicazione e sul calcolo della soglia di anomalia previsti dalla L.R. n. 13/2019, anche attraverso il richiamo alla giurisprudenza formatasi sul tema, per giungere all’analisi della Sentenza della Corte Costituzionale che ne ha dichiarato la illegittimità costituzionale per violazione dell’art. 117 cost. 

Infine, saranno analizzati gli effetti della Sentenza della Corte Costituzionale sull’attuale sistema degli appalti in Sicilia, anche con riferimento agli appalti già avviati con la previgente normativa regionale. 

Data inizio 18/05/2021 - 14:30

Introduce i lavori Sauro Angeletti, DG DFP-UISC e responsabile di OGP. Si parla della "Conferenza sul futuro dell'Europa", dal punto di vista della Commissione Europea, con Alessandro Giordani, e dal punto di vista delle Organizzazioni della Società Civile, con Elisa Gambardella (Solidar).

Inoltre, vengono presentate le "Linee guida sulla Consultazione pubblica", delle quali parleranno il CD del Dipartimento Riforme Istituzionali Lorenzo Spadacini e Silvia Paparo, DG dell'Ufficio Semplificazione del DFP.

Il webinar rientra tra le attività del progetto "Opengov: metodi e strumenti per l'amministrazione aperta” finanziato nell’ambito del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2021, Asse I – Obiettivo specifico 1.1 "Aumento della trasparenza e interoperabilità e dell’accesso ai dati pubblici" – Azione 1.1.1

Sede (solo eventi in presenza)
Data inizio 18/05/2021 - 12:00

Il Premio OpenGov Champion è un'iniziativa nata nel 2017 per valorizzare e promuovere le esperienze italiane che realizzano i principi del governo aperto.

Il webinar presenta l'edizione 2021 del Premio OpenGov Champion dedicata alle OSC e finalizzata a dare visibilità e riconoscimento alle azioni di promozione e sollecitazione dei principi dell’amministrazione aperta realizzate dalle Organizzazioni della Società Civile (OSC) sul territorio nazionale o a livello locale.

Intervengono Sauro Angeletti, DG dell'Ufficio UISC e responsabile di OGP Italia e la responsabile del Premio, Sabina Bellotti. Saranno inoltre presenti i rappresentanti di due OSC premiate nel 2018: Federico Anghelè per The Good Lobby e Giuseppe Ragusa per Opendata Sicilia.

 

Il webinar rientra tra le attività del progetto "Opengov: metodi e strumenti per l'amministrazione aperta” finanziato nell’ambito del PON Governance e Capacità Istituzionale 2014-2021, Asse I – Obiettivo specifico 1.1 "Aumento della trasparenza e interoperabilità e dell’accesso ai dati pubblici" – Azione 1.1.1

Sede (solo eventi in presenza)
Data inizio 17/05/2021 - 12:00

Il webinar è finalizzato alla presentazione di ACCEDI (Ambiente Cittadinanza Consapevole attraverso l'Educazione Digitale), un’iniziativa di Repubblica Digitale promossa dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri, e inclusa nel Piano Operativo della Strategia nazionale per le competenze digitali.

ACCEDI ha l'obiettivo di promuovere lo sviluppo delle competenze digitali dei cittadini, favorire l'accesso a internet e l'inclusione di tutti i cittadini alle opportunità offerte dal digitale e dai servizi pubblici digitali. ACCEDI è, infatti, un ambiente dove i cittadini potranno autovalutarsi, seguire percorsi di sviluppo delle competenze digitali, in linea con il framework DigComp (il quadro europeo di riferimento per le competenze digitali dei cittadini), e trovare spunti e suggerimenti per partecipare ad attività formative in presenza e online.

Il webinar è anche l’occasione per parlare del DigComp e del servizio di autovalutazione MyDigiSkills, nonché presentare il modello di videolezioni multimediali prodotte dal progetto con il supporto di Formez PA.

#SAA2021 Il webinar rientra tra le iniziative, in tema di competenze digitali, della Settimana dell'amministrazione aperta 2021, in programma dal 17 al 21 maggio

Data inizio 14/05/2021 - 09:30

Il webinar sarà incentrato sull’analisi delle varie casistiche inerenti l’applicazione delle cifre decimali all’offerta economica, in caso di previsione nel bando ed in caso di mancata previsione. Saranno quindi esaminati gli effetti del mancato rispetto delle prescrizioni del bando in ordine alle cifre decimali dell’offerta. Si procederà, inoltre, ad esaminare il diverso caso dell’applicazione dei decimali nell’offerta anomala. Sarà infine discussa l’applicazione della norma di legge regionale (art. 1, comma 9, L.R. 20/2007) che prevede l’applicazione di quattro cifre decimali; in particolare si discuterà della possibile applicazione del meccanismo di eterointegrazione del bando di gara.

Data inizio 11/05/2021 - 10:00

Nel corso degli ultimi dieci anni “Lezioni d’Europa” ha cercato di contribuire alla conoscenza delle istituzioni e delle politiche europee in modo da favorire la diffusione delle informazioni e l’utilizzo, da parte del cittadino, delle opportunità offerte dall’Unione europea.

In questo periodo di difficoltà e di incertezza legato alla pandemia è ancora più importante sapere come si sta muovendo l’Unione Europea, comprendendo quali sono le risorse messe in campo per affrontare la crisi ai vari livelli (sanitario, economico, sociale e finanziario) e cercare così di essere più consapevoli dell’impatto che può avere un utilizzo appropriato di tali fondi e di tali strumenti.

L’edizione 2021 del ciclo “Lezioni d’Europa” riprende la collaborazione, iniziata lo scorso anno, tra il Centro Europe Direct Roma Innovazione, operativo presso Formez PA, e il Centro Europe Direct dell’Università di Siena ed il Centro Europe Direct di Trapani.

Il programma prevede una serie di webinar su temi di attualità, soprattutto in relazione agli scenari di attuazione del Recovery Fund (Next Generation EU), quali per esempio:

  • le misure da adottare per facilitare la ripresa dell’economia;
  • i cambiamenti da mettere in atto per la transizione ecologica, la neutralità climatica e l’economia circolare;
  • lo sviluppo delle conoscenze per la transizione digitale, che negli ultimi mesi ha visto un’accelerazione forzata imposta dall’emergenza del Covid-19.

Il percorso si rivolge a tutti coloro che vogliono avvicinarsi alle tematiche dell'Unione europea indipendentemente dal tipo di formazione culturale o di professione. È possibile partecipare anche alle singole iniziative.

L’ottavo evento in programma organizzato anche per celebrare la festa dell'Europa (9 maggio) e dei suoi principi fondativi quale quello della pace, riguarderà l’integrazione europea come progetto di pace.  Nel 2012 l’Unione europea (UE) ha ottenuto il premio Nobel per la pace. Secondo il Comitato norvegese che designa il vincitore, l’UE e i “suoi precursori” – vale a dire le Comunità europee create all’inizio degli anni Cinquanta - hanno offerto un contributo fondamentale al progresso “della pace e della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa”. Ogni celebrazione implica inevitabilmente un certo coefficiente di retorica. Invero, il lungo periodo di pace vissuto dall’Europa dopo il 1945 non è solo il frutto dell’idea, promossa il 9 maggio del 1950 da Robert Schuman e Jean Monnet, di unire i popoli d’Europa partendo da comunità settoriali. Non meno importante, anzi forse ancora più decisiva, è stata la “guerra fredda”. La contrapposizione tra Stati Uniti e Unione Sovietica e i loro rispettivi alleati ha infatti garantito al Vecchio continente la pace (armata). Tuttavia, sarebbe errato misconoscere la parte avuta in questo contesto dall’integrazione europea. L’intervento di Daniele Pasquinucci analizzerà i principali motivi storici che spiegano e giustificano il conferimento del premio Nobel all’Unione europea.

Nella seconda parte dell’evento, Federico Lenzerini analizzerà invece il tema relativo alla costruzione della pace attraverso la promozione dei valori della solidarietà, della comprensione reciproca e dell’integrazione culturale. Come sottolineato dalla Costituzione UNESCO, “poiché le guerre nascono nelle menti degli uomini, è nelle menti degli uomini che devono essere poste le difese della pace”; subito di seguito, lo stesso strumento prende atto che “la reciproca incomprensione dei diversi modi di vita è sempre stata, nel corso della storia dell’umanità, la causa comune dei sospetti e della diffidenza tra i popoli, per cui i dissensi hanno troppo spesso degenerato nella guerra”. La costruzione della “solidarietà tra i … popoli [europei,] rispettandone la storia, la cultura e le tradizioni”, ha rappresentato fin dalle origini uno dei fondamenti dell’integrazione europea, come enfatizzato nel preambolo del Trattato istitutivo dell’Unione europea. La realizzazione di tale obiettivo continua però a scontrarsi con gli ostacoli dell’incomprensione e dell’intolleranza, i quali sono ancora più acuiti dalla pandemia globale attualmente in corso. Ciò determina, oggi più che mai, la necessità di rafforzare quanto più possibile – attraverso iniziative concrete di carattere sia normativo che sociali – l’azione finalizzata alla promozione dei valori della comprensione reciproca e dell’integrazione culturale, nonché della percezione dell’importanza delle diversità come fattori di arricchimento reciproco per le diverse comunità che abitano il continente europeo.

Seguirà la presentazione di “ WORTHY- World Wars Toward Heritage for Youth", un progetto co-finanziato dal programma ERASMUS Plus e promosso dal Comune di Vicenza con l’obiettivo di promuovere lo studio della macro e della micro storia del periodo che comprende le due guerre mondiali, con un approccio pedagogico innovativo, largamente basato sulla creatività digitale e finalizzato a suscitare la motivazione degli studenti dai 13 ai 19 anni e la crescita del pensiero critico e dei valori democratici.

Disponibile la registrazione del webinar

Appuntamenti precedenti:

9 marzo: 10.00-11.30 - Dalla Comunità all'Unione. La storia dell'integrazione europea

16 marzo: 9.30-11.30 - Evento speciale: Anno Europeo delle Ferrovie

23 marzo: 10.00-11.30 - Le istituzioni dell’UE e cittadinanza europea

30 marzo: 10.00-11.30 - Il Recovery Plan europeo ed i piani nazionali per la ripresa e la resilienza

20 aprile: 10.00-11.30 - La Transizione Ecologica e la sfida dell’economia circolare

27 aprile: 10.00-11.30 - La transizione digitale: le opportunità di finanziamento europee nel periodo di programmazione 2021-2027

4 maggio 2021: 10.00-11.30 - La pace e la difesa in Europa

Appuntamenti successivi

25 maggio 2021: 10.00-11.30 - Le fonti di informazione: differenza tra Fondi Sie e strumenti tematici, dove e come informarsi sui bandi

8 giugno 2021: 10.00-11.30 - Finanziamenti diretti 2021-2027

15 giugno 2021: 10.00-11.30 -  Progettazione europea dei fondi diretti

Data inizio 06/05/2021 - 15:00

Il webinar è organizzato nell’ambito del progetto Centro di competenza FOIA del Dipartimento della funzione pubblica che nell’occasione presenterà il report: “L’accesso civico generalizzato. Rapporto sulla giurisprudenza 2017-2020”.

Il report costituisce un’analisi sistematica e ragionata della giurisprudenza dei Tribunali amministrativi regionali e del Consiglio di Stato in materia di accesso civico generalizzato (c.d. FOIA) relativa al quadriennio 2017-2020, corrispondente ai primi anni di applicazione della più recente disciplina dell’accesso introdotta con il decreto legislativo n. 97 del 2016.

 

Nel corso del webinar verranno approfonditi i risultati e le tendenze emersi nell'attività di monitoraggio e massimazione delle sentenze che il Dipartimento della funzione pubblica ha promosso attraverso l’Osservatorio del Centro di competenza. In particolare verranno illustrati:

  1. gli specifici profili sostanziali e processuali della disciplina dell’accesso civico generalizzato, con l’obiettivo di segnalare i principali orientamenti giurisdizionali e le eventuali divergenze;
  2. i risultati dell’analisi quantitativa sulla produzione giurisprudenziale, con dati relativi al numero delle pronunce, ai rispettivi esiti, alla distribuzione territoriale, per anno e per organo giurisdizionale, nonché alle pubbliche amministrazioni coinvolte.

 

Il webinar è realizzato con il supporto tecnico-operativo di Formez PA nell’ambito del progetto Open Gov - Supporto alle politiche di Open Government, finanziato dal PON Governance e capacità istituzionale 2014-2020.

Data inizio 04/05/2021 - 12:00

Il 10 marzo 2021 il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli, il Primo ministro portoghese António Costa a nome della presidenza del Consiglio dell’Unione europea e la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno firmato la dichiarazione comune sulla Conferenza sul futuro dell'Europa (CoFe).

Si tratta di un passo preliminare all'avvio di una serie di dibattiti e discussioni che consentiranno ai cittadini di tutta Europa di condividere le loro idee per contribuire a plasmare il futuro dell'Europa.

La CoFe mira a conferire ai cittadini un ruolo più incisivo nella definizione delle politiche e delle ambizioni dell'UE. Costituirà un nuovo spazio d'incontro pubblico per un dibattito aperto, inclusivo, trasparente e strutturato con i cittadini europei sulle questioni che li riguardano e che incidono sulla loro vita quotidiana.

La dichiarazione comune presenta un elenco non esaustivo di possibili argomenti per la conferenza: la salute, i cambiamenti climatici, l'equità sociale, la trasformazione digitale, il ruolo dell'UE nel mondo e il rafforzamento dei processi democratici che governano l'UE. Questi temi coincidono con le priorità generali dell'UE e con le questioni sollevate dai cittadini nei sondaggi d'opinione. In ultima analisi, saranno i partecipanti a decidere quali argomenti trattare nell'ambito della conferenza.

La Conferenza getta le basi per eventi avviati dai cittadini, da organizzare in collaborazione con la società civile e i portatori d'interessi a tutti i livelli, i parlamenti nazionali e regionali, le istituzioni europee, le parti sociali e il mondo accademico. La loro partecipazione al processo è essenziale per garantire il massimo coinvolgimento e la massima diffusione.

La Conferenza si articolerà in vari spazi, virtuali e, possibilmente, fisici, nel rispetto delle norme anti COVID. Il webinar mira a illustrare le finalità della CoFe e a far conoscere ai cittadini la piattaforma digitale multilingue interattiva che, a partire dal 19 aprile, consente a tutti di presentare le proprie idee online, di consultare gli eventi a cui partecipare o di inserire propri eventi sui temi di interesse.

 

Disponibile la registrazione del webinar

Pagine

Abbonamento a Webinar